Team solidarietà internazione PDF Stampa E-mail

 

Il team “SOLIDARIETA’ INTERNAZIONALE” è stato uno dei primi TEAM sortI all’interno del Movimento INCONTRINSIEME mettendo chiaramente in evidenza che la tematica della “SOLIDARIETA’ e della cultura MISSIONARIA” è sempre stato argomento di forte interesse da parte dei membri del Movimento. 

Già nel 2008 tra gli obiettivi prioritari del cammino della “coppia cristiana” di INCONTRINSIEME vi era quello di sostenere e coinvolgere nell’esperienza le coppie e famiglie appartenenti a territori del mondo con situazioni economiche, culturali e sanitarie non paragonabili alla nostra società.

Il progetto Mbete lem (Il Mio libro) corrisponde esattamente a quello che il Team Internazionale ha fortemente voluto:

  1. Una realtà di solidarietà tra coppie italiane a coppie geograficamente “Lontane del Ciad”;

  2. Un progetto in ambito ecclesiale sia in italia che nel Ciad;

  3. Un progetto che coinvolga la variegata realtà della famiglia nel Ciad;

1. Le famiglie italiane già ci sono e con i collegamenti avviati si instaureranno i primi contatti con le famiglie locali;

2. La Parrocchia locale, con l’aiuto delle suore Alcantarine presenti in Italia e in Ciad, ha un “Foyer” di ragazze accolte in comunità e “ragazzi e ragazze” che si ritrovano nella biblioteca per preparare gli esami della maturità (diploma di scuola media superiore). Sostenere il Progetto significa favorire la crescita culturale dei giovani ossia di quegli adolescenti che inizieranno a costruire le “Famiglie Nuove del Ciad”.

3. L’intervento su un Progetto “Culturale” ha lo scopo di attuare quella politica a cui tutti tenevamo particolarmente: quella di creare in Ciad un ambiente che possa favorire lo sviluppo attraverso la cultura.

Attraverso la Cultura si arriva direttamente alla “mente”, al “cuore” ed alle identità della popolazione del Ciad. Da qui partiranno i prossimi interventi specifici sulla “Famiglia”.

Il gruppo di coppie che hanno scelto di lavorare insieme per le coppie e famiglie lontane nello spazio (CIAD) ma non lontane dai “cuori”, sono coppie particolarmente vicine al discorso di Missionarietà.

 

IL PROGETTO E IL CIAD

Il Ciad, uno degli stati più poveri dell’Africa, è un paese la cui economia è basata sull’agricoltura e sull’allevamento. Il 54% della popolazione vive con un reddito inferiore a un dollaro al giorno e il 74,5% della popolazione è analfabeta.

La Diocesi di Doba, in cui sono presenti le Suore Francescane Alcantarine dal 1993, si trova a sud del paese e fa parte della zona cerealicola considerata il granaio del Ciad.

In seguito allo sfruttamento del petrolio trovato nella regione nell’anno 2003, la cittadina di Doba, ha subito un’impressionante esplosione demografica e oggi conta circa 30.000 abitanti Il numero dei giovani è elevatissimo in quanto parecchi ragazzi scelgono di studiare in città per il miglior livello di preparazione degli insegnanti. Nella città di Doba vi sono quattro licei (ultime tre classi superiori) e circa dodici “collèges” (prime quattro classi superiori) che accolgono in tutto circa 10.000 alunni.

Dall’anno accademico 2011-2012 è stata aperta l’università di Doba che attualmente accoglie circa 700 studenti nei diversi livelli.

Negli istituti statali vi è un grave problema di sovrappopolamento, con classi che possono arrivare a contare circa 150 alunni. Un altro grave problema è la mancanza di libri di testo sia nelle scuole che fra i ragazzi. Le scuole sono prive di mezzi, pochissime fra esse hanno una biblioteca e il costo dei libri è proibitivo per la maggior parte degli allievi. I ragazzi scrivono le lezioni sui loro quaderni ma non hanno la possibilità di consultare testi per approfondire o meglio comprendere gli argomenti spiegati in classe.

IL CENTRO CULTURALE “CELESTINO CELI”

Nel 1992 presso la parrocchia « Saint Thérèse de l’enfant Jésus » a Doba fu creata una piccola biblioteca per aiutare i ragazzi nelle loro difficoltà scolastiche. In seguito fu creata una struttura a parte che ora comprende l’edificio con la biblioteca, la sala di lettura e un terreno di 4800 metri quadrati circondati da un muro che offre ai ragazzi uno spazio protetto per lo studio e le diverse attività culturali che il centro propone. Il Centro organizza conferenze, propone film inerenti ai programmi di letteratura o di storia e organizza dei corsi di sostegno per i ragazzi dell’ultimo anno della scuola superiore.

La biblioteca è fondamentale per i ragazzi perché vi possono trovare sia i manuali delle diverse materie sia le opere di letteratura francese o africana dei diversi programmi scolastici per la preparazione degli esami e per lo studio giornaliero.

Nel settembre del 2010 è stato anche aperto, all’interno del Centro, un Foyer per le giovani ragazze pre adolescenti (dai 12 anni fino ai 18). Le ragazze, che giungono dalle campagne, vengono ospitate in una casa sicura per studiare nelle varie scuole di Doba per tutti gli 8 anni del loro percorso scolastico superiore fino alla maturità.

 

Si cerca così di creare un luogo in cui le ragazze possano respirare un clima sereno dove i valori umani e cristiani e in particolare una buona istruzione di base possano illuminare e fare fiorire la loro vita e fare si che queste giovani ragazze possano abbandonare “la cultura della morte” e lo sfruttamento a cui sono assoggettate.

   

    

      

 

Partecipa al sondaggio

Il tuo parroco si occupa delle coppie?
 

Credibili o convincenti?

Incontrinsieme è?
 

Evangelizzazione?

Incontrinsieme fa
 

Chi è online

 19 visitatori online

Incontrinsieme.it utilizza cookies tecnologici per migliorare l'esperienza visiva del sito. Per saperne di piu sui cookies utilizzati e su come cancellarli, vedi il nostro documento di policy.

Accetto i cookies di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information